Fiori come piovesse sono caduti sull’alta moda per il 2015 sia a Roma che a Parigi. E non potevano mancare le rose, di ogni colore, di ogni grandezza, di ogni età, anche a Venezia, dove oggi sabato e domani è in programma la “due giorni nozze”, una rassegna dedicata al wedding planet. Presentata negli spazi prestigiosi del Westin Europa & Regina Hotel, la rassegna Sposarsi a Venezia… con noi si propone come un incontro personalizzato tra espositori e visitatori, non solo per la presentazione dei modelli dedicati al giorno delle nozze – per lui e per lei – ma con un intermezzo significativo che permette ai “promessi” in cerca di suggerimenti qualche inedito fornito in forma di conversazione dall’“architetto dei sogni” Angelo Garini. Sarà lui – ovviamente dietro prenotazione nel pomeriggio odierno – a consigliare e risolvere dubbi. Come scegliere il vestito? Nuvola o attillato? Come orientarsi per il ricevimento di nozze? E il viaggio? Dove si va? E Venezia ? Una sceneggiatura elegante e insolita è stata prevista dall’organizzazione che vede in partnership con gli ideatori – Wladimiro Speranzoni e Donatella Mola - anche Alessandra Pagano, direttrice del The Westin Europa & Regina. Ma soprattutto dare consigli a chi vuole proporsi come futuro “consigliore“ matrimoniale. La presenza di Venezia, elemento portante della location di questa stessa rassegna, è raccontata come una fiaba da un giro in gondola e water taxi che condurrà gli “sposi” dall’Accademia all’hotel dove, nella superba terrazza sul Canal Grande , si svolgerà il rituale banchetto di nozze. Nozze virtuali, s’intende, ma non per questo meno spettacolari. Negli obbiettivi degli organizzatori di Sposarsi a Venezia…con noi c’è la possibilità di facilitare il compito di chi vuole affrontare questo evento nella città più bella dl mondo . Leggerezza e effetti nuvola sono riservati all’abito di nozze per lei, firmato Sposa d’Este , mentre Uomo d’Este propone per lui una arrangiamento “dandy” originale e ironico. Ditelo con i fiori è il messaggio romantico che la valanga di rose di ogni colore trasmette ai visitatori : una giornata (quasi) unica , un momento da ricordare e da scrivere nella memoria fissando anche i minimi dettagli, persino la bomboniera che Donatella Mola propone assortita all’abito di nozze. Anche le nozze civili che un tempo non prevedevano l’abito “da sposa” tradizionale oggi consentono di sbizzarrirsi nei colori, nelle proposte stilistiche, nel gioco del velo sull’acconciatura che si presta alle mille interpretazioni che gli ideatori presenti alla rassegna hanno in serbo. Partecipano a questo evento importanti firme della produzione per le nozze oltre alle proposte moda di Marina Rinaldi per le spose più curvy.

Luciana Boccardi

Il Gazzettino 28 febbraio 2015